iPad Air, la maturazione del tablet Apple

ipad.jpg

21 gennaio 2014 - ore 11,28

Cambia il nome, ma non si tratta di una rivoluzione: in occasione dell'evento "We have a lot more to cover" dello scorso ottobre Apple ha presentato l'inedito iPad Air, l'erede dei dispositivi iPad da 9,7 pollici, che va ad affiancarsi al nuovo iPad mini con display Retina.
Come il nomignolo "Air" facilmente suggerisce, sulla base di quanto già operato con MacBook Air, il nuovo iPad è fatto oggetto di un'importante riprogettazione che ne assottiglia i bordi e ne riduce il peso, a tutto vantaggio della portabilità, mantenendo però inalterata la diagonale del display. Il processo di restyling è ispirato in gran parte ai canoni estetici del precedente iPad mini.

Come il nomignolo "Air" facilmente suggerisce, sulla base di quanto già operato con MacBook Air, il nuovo iPad è fatto oggetto di un'importante riprogettazione che ne assottiglia i bordi e ne riduce il peso, a tutto vantaggio della portabilità, mantenendo però inalterata la diagonale del display. Il processo di restyling è ispirato in gran parte ai canoni estetici del precedente iPad mini.
Il tablet di spicco nel catalogo della Mela va quindi incontro ad un passaggio di maturità, arrivando ad una convergenza di varie esigenze: prestazioni (grazie all'utilizzo del SoC Apple A7, presente su tutti gli ultimi dispositivi iOS di Apple), portabilità e fruibilità.
Ed è proprio il fine bilanciamento tra questi ultimi due aspetti che rappresenta l'essenza del nuovo iPad Air: un tablet che non scenda a compromessi sul versante della praticità d'uso ma che al contempo condensa il più possibile il proprio ingombro ed il peso.
Non è un caso che Apple abbia deciso di chiamarlo iPad Air: la riduzione di ingombri e peso senza il sacrificio della fruibilità è la stessa filosofia alla base di un altra famiglia di prodotti che la Mela ha introdotto qualche anno fa sul mercato e che, in un modo o nell'altro, ha rappresentato i prodromi degli attuali sistemi notebook ultraportatili: MacBook Air.
Sul fronte della CPU abbiamo a che fare con un’architettura dual-core, con frequenza operativa di 1,4GHz mentre per quanto riguarda il comparto GPU il SoC integra la soluzione PowerVR G6430 in configurazione a quattro cluster, la cui frequenza operativa è però ignota. Il SoC include inoltre 1GB di memoria LPDDR3 a 64-bit.
Il prezzo di ingresso per iPad Air è di 479 euro per il modello WiFi-only da 16GB, che risulta superiore di 90 euro rispetto ad iPad mini Retina, ma inferiore di 20 euro rispetto al prezzo di iPad 4 al momento del debutto. Anche con iPad Air, come già visto in occasione di iPad mini Retina, l'esborso aggiuntivo richiesto per tutti i modelli per passare alla versione WiFi + Cellular è di 120 Euro.

Al momento dell’acquisto è inoltre possibile scegliere una citazione o una frase per l’incisione sul retro del dispositivo, opzione completamente gratuita, e scegliere vari accessori e complementi per il tablet tra cui una smart cover od uno smartcase. Entrambe disponibili in sei diversi colori, la prima è realizzata in poliuretano e proposta al prezzo di 39 euro, la seconda in pelle e al prezzo di 79 euro. E' importante sottolineare, in tal caso, che le cover utilizzate per i precedenti modelli di iPad non sono compatibili con iPad Air, in quanto di dimensioni differenti necessarie per accogliere i precedenti modelli di maggiori dimensioni.

FONTE: HWUPGRADE
Non sei ancora fun? Metti mi piace e seguici su facebook

Foto Allegate

antenna_mic.jpgbox.jpgcamera.jpg1_ipad_air_not600.jpgipad_glob.jpgpulsanti.jpg