Samsung supervaluta il tuo smartphone usato? Forse no

1_samsung_galaxy_s5_cover.jpg

20 gennaio 2014 - ore 18,02

Samsung ha dato il via ad una nuova iniziativa commerciale attraverso la quale promuovere l'acquisto di uno smartphone Galaxy S4 oppure di un modello Galaxy Note 3. Comperando tra il 18 Gennaio e il 23 Febbraio 2014 uno di questi due terminali è possibile ricevere un contributo, sino ad una somma di 200,00€, fornendo a Samsung il proprio smartphone usato in buone condizioni. Di fatto, quindi, un incentivo all'acquisto nel quale non viene praticato uno sconto sul prezzo d'acquisto dello smartphone ma ad acquisto avvenuto si riceve un accredito diretto sul proprio conto corrente una volta che il proprio vecchio smartphone è stato ritirato.
La supervalutazione, così viene indicata da Samsung, opera quindi con le seguenti 5 fasi:

    si acquista un Galaxy S4 o un Galaxy Note 3;
    il terminale viene registrato sul sito Samsung Exclusive
    una volta ricevuta una mail di abilitazione alla promozione si accede al minisito della promozione, registrandosi;
    si prenota il ritiro del proprio smartphone usato;
    si riceve l'accredito della supervalutazione direttamente sul proprio conto corrente.

Non mancano ovviamente precise condizioni per questa iniziativa, chiaramente indicate da Samsung in questo documento. Scopriamo in questo modo che la supervalutazione di 200,00€ è attiva solo fornendo come smartphone usato un modello Samsung Galaxy S III oppure Galaxy Note 2; per una valutazione di 150,00€ la merce di scambio è un modello Samsung Galaxy S II oppure un Galaxy Note.
Per tutti gli altri smartphone che partecipano alla promozione la valutazione è di 100,00€; troviamo modelli più o meno diffusi, alcuni vecchi di alcuni anni e altri recentissimi. La lista è presente nel documento pdf indicato poco sopra ma scorrendo la lista appare evidente come per la stragrande maggioranza di questi smartphone una valutazione di 100,00€ sia inferiore a quanto ottenibile vendendo nel mercato dell'usato il proprio prodotto.
Lo smartphone deve inoltre rispondere a questi precisi criteri:

    essere uno smartphone tra quelli elencati nel documento;
    risultare funzionante;
    essere completo di batteria, caricabatterie e relativi cavi di collegamento;
    restare acceso anche senza l’utilizzo dell’alimentatore;
    presentarsi in buone condizioni estetiche;
    non presentare anomalie (quali a titolo esemplificativo e non esaustivo graffi evidenti, cerniere rotte, display guasto o rotto o marcatamente rigato). Sono ammessi i normali graffi e segni di usura sulla scocca e sul display
    non essere ossidato e non presentare danni da contatto con liquidi;
    per i soli prodotti con sistema operativo iOS, occorre che siano svincolati da ogni account iCloud ad essi associati

Segnaliamo inoltre come la supervalutazione sia valida solo per utenti finali: il modulo di cessione non può quindi essere compilato con indicazione della partita IVA. L'utente finale che durante il periodo promozionale abbia acquistato un prodotto promozionato potrà aderire alla promozione entro e non oltre 14 giorni solari
dalla data di acquisto del prodotto promozionato (farà fede la data riportata sulla prova di acquisto).
L'iniziativa messa in atto da Samsung è interessante ma non così invitante come si potrebbe pensare. Quanto offerto come supervalutazione è tipicamente ben meno di quanto sia possibile ottenere per lo smartphone che viene sostituito nei tradizionali circuiti di vendita tra privati di beni usati. Il fatto poi di ricevere in un secondo tempo l'importo della supervalutazione porta a preferire la vendita tra privati, operazione che se condotta a buon fine permette di avere a disposizione il controvalore del proprio smartphone venduto in un tempo molto più breve di quanto assicurato da questa iniziativa.

FONTE: HWUPGRADE
Non sei ancora fun? Metti mi piace e seguici su facebook