’Papà mi baciava sulla bocca e mi abbracciava troppo’, condannato a 3 anni

violenza_sessuale_padre_condannato.jpg

12 marzo 2014 - ore 18,56

Quelle attenzioni verso sua figlia, quei baci sulla bocca e quegli abbracci troppo forti erano atteggiamenti troppo spinti per essere considerate come semplice affetto tra un genitore e la sua prole. Per questo un uomo di 60 anni residente a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, è stato condannato questa mattina dal tribunale di Torre Annunziata, sempre nel Napoletano, ad una pena di tre anni di reclusione. Come racconta il quotidiano campano Il Mattino, i fatti risalgono a diversi anni fa quando la figlia dell’uomo già maggiorenne e sposata decise di denunciare il padre alle forze dell’ordine.

La denuncia - La ragazza, dopo anni di silenzio nel 2009, infatti ,decise di rivolgersi ai carabinieri raccontando diversi episodi che erano avvenuti negli anni precedenti, quando era ancora una ragazzina di appena 13 anni. All’epoca, con una situazione familiare particolare alle spalle, alla ragazza era venuta voglia di conoscere il suo padre naturale. Una volta contattato però le attenzioni dell’uomo erano andate oltre il dovuto tanto da configurarsi come una vera e propria violenza sessuale, come stabilito dalla sentenza del tribunale.

FONTE: FANPAGE
Non sei ancora fun? Metti mi piace e seguici su facebook