Stuprata dal patrigno rimane incinta a 11 anni: costretta a non abortire’

incinta.png

07 marzo 2014 - ore 17,13

Il tema dell'interruzione volontaria della gravidanza torna in auge in Cile, paese nel quale l'aborto è proibito anche a scopi terapeutici. A rilanciarlo la storia di Belèn (il nome è di fantasia), una bambina di 11 anni rimasta incinta dopo essere stata stuprata dal patrigno.

La bambina, che vive con la nonna nella regione di Los Lagos, nella provincia di Valdivia (sud del paese) sarebbe stata violentata in casa della madre dove andava ogni fine settimana.

Non si tratterebbe di un episodio isolato ma al contrario Belen avrebbe subito violenza almeno tre volte ed una di queste sarebbe stata "fatale": è rimasta incinta.
Non sei ancora fun? Metti mi piace e seguici su facebook

Foto Allegate

aborto_derecho_libre_2.jpg